An initiative of :




Wageningen University





Sitekeuring.NET Award

Food-Info.net> Sicurezza alimentare > Tossine

Graianatossina

Caratteristiche generali

La graianatossina (conosciuta in passato come andromedotossina, acetilandromedolo e rodotossina) causa ‘intossicazione da miele'. Questa forma di intossicazione è molto rara ed è causata dal consumo di miele ottenuto dal nettare di rododendri. Le graianotossine causano, appunto, questa intossicazione. Le graianotossine differiscono con la specie vegetale. Questi composti sono: di terpeni, idrocarburi ciclici polidrossilati che non contengono azoto.

Altri termini che definiscono questa malattia sono: avvelenamento da rododendro, intossicazione da miele pazzo o avvelenamento da graianatossine.

Sintomi della malattia

L'avvelenamento da graianatossine negli esseri umani è raro. Tuttavia, casi di intossicazione da miele dovrebbe essere prevenuta ovunque.

Raramente l'intossicazione è fatale e generalmente dura non più di 24 ore. Solitamente la malattia provoca capogiri, debolezza, eccessiva sudorazione, nausea e vomito subito dopo che il miele tossico viene ingerito. Altri sintomi che si possono manifestare sono: abbassamento della pressione sanguigna o shock, bradiaritmia (diminuzione del battito cardiaco associata ad irregolarità nel ritmo cardiaco), bradicardia (diminuzione del ritmo cardiaco con un numero di battiti inferiore a 60), ritmo nodale (riferito in particolare al nodo atrio-ventricolare) sindrome di Wolff-Parkinson-White (eccitazione anomala atrio-ventricolare) e blocco completo atrio-ventricolare.

Diagnosi

Le graianotossine si legano al sodio nelle membrane cellulari. Questi composti prevengono l'inattivazione, quindi le cellule eccitate (nervi e muscoli) sono mantenute in uno stato di depolarizzazione. Durante questo stato è facilitata l'entrata di calcio nelle cellule. Questa azione è simile a quella esercitata dagli alcaloidi del veratro e aconito. Tutte le risposte osservate dallo scheletro e dai muscoli del cuore, dai nervi e dal sistema nervoso dipendono dagli effetti delle membrane.

Un intervento potrebbe non essere necessario poiché l'intossicazione è raramente fatale ed il ricovero dalla malattia si ha nell'arco delle 24 ore.

Alimenti associati

Comunemente, l'intossicazione da graianatossine si ha a causa dell'ingestione di miele contaminato con queste tossine. L'avvelenamento, però, potrebbe presentarsi anche a seguito dell'ingestione di foglie, fiori e nettari di rododendri. Non tutti i rododendri producono graianotossine. Il Rhododendron ponticum è diffuso sulle montagne della Turchia, nell'area orientale del Mar Nero. Questa specie provoca avvelenamento da miele dal 401 AC. Altre specie di rododendro, nonché specie appartenenti alla famiglia botanica delle Ericaceae alla quale afferiscono i rododendri, potrebbero produrre tossine anche se spesso non sono implicate con la malattia. L'alloro di montagna (Kalmia latifoglia ) e l'alloro di pecora (Kalmia angustifolia ) sono probabilmente le fonti più importanti della tossina.

Prevenzione

L'aumento di domanda da parte dei consumatori di alimenti naturali (non lavorati) potrebbe favorire l'intossicazione da graianotossina. Gli individui che ottengono il miele da agricoltori con pochi alveari sono ad alto rischio, in particolare quando il miele potrebbe essere stato raccolto dalle piante sopra menzionate. In genere, le riserve di grosse quantità di miele durante la trasformazione facilita la diluizione di qualsiasi sostanza tossica.

Popolazioni a rischio

Tutte le persone sono soggette all'intossicazione da miele.

Fonte : il libro dei batteri patogeni, virus e tossine comuni http://www.cfsan.fda.gov/~mow/intro.html

 

 

 



European Masters Degree in Food Studies - an Educational Journey


Master in Food Safety Law



Food-Info.net is an initiative of Wageningen University, The Netherlands